Walter Burley

Commentarium in Aristotelis De Anima  -  Librum  III

 

Manoscritti utilizzati

     

London2 Vatican London1 Oxford



Denominazione dei Manoscritti   -  Descrizione dei Manoscritti   -  Collazione dei Manoscritti   -  Varianti Positive   -  Varianti Negative   -   Capilettera dei Manoscritti   -  Disegni dei Manoscritti   -  Colofone dei Manoscritti    Home
 

1. Denominazione dei Manoscritti


Manoscritti

Sigle

Città

Biblioteca

N° Manoscritto Foglio
Vatican V Roma Biblioteca Vaticana Latina 2151  55 rb - 88 rb
London1 L1 Londra Lambeth Palace 143 118 ra - 138 ra
London2 L2 Londra Lambeth Palace 74  83 rb - 110 ra
Oxford O Oxford Balliol College 92 134 r - 200 v




Denominazione dei Manoscritti   -  Descrizione dei Manoscritti   -  Collazione dei Manoscritti   -  Varianti Positive   -  Varianti Negative   -   Capilettera dei Manoscritti   -  Disegni dei Manoscritti   -  Colofone dei Manoscritti    Home

  2. Descrizione dei Manoscritti

Osservazione preliminare

Non ho avuto l'occasione di vedere gli originali dei Manoscritti;   per questo motivo la descrizione qui riportata si basa su : 

  quanto scritto nel   :  

Catalogue of  Manuscripts  de la Lambeth Library   per quanto concerne i manoscritti  MS 74 ff 83 rb - 110 ra  e  MS 143 ff  118 ra - 138   ra  codificato in questa Edizione critica rispettivamente come  L1 e  L2.

Ancient manuscripts summary listing de la Balliol College d'Oxford   per quanto concerne il manoscritto  MS 92 ff 134 r - 200 v   e  codificato in questa Edizione critica come  O.

  uno studio condotto personalmente basandomi sulle fofocopie a colori per quanto concerne il manoscritto Vatican  Vat. Lat.  MS 2151,  ff 55 rb - 88 rb, codificato in questa Edizione critica come  V.

 
2.
1  Localizzazione dei manoscritti.

La scoperta del manoscritto Vat. lat. 2151 è opera di Anneliese MAIER (1905 - 1971) la quale ne parla nel suo libro :  :

Ausgehendes Mittelalter : gesammelte Aufsätze zur Geistesgeschichte des 14. Jahrhunderts. I. Anneliese MAIER.- Roma : Edizioni di Storia e Letteratura, 1964.

In questo libro A. MAIER :

  • -  menziona i quattro manoscritti e determina la loro localizzazione, come sopra indicato;

  • -  attribuisce l'opera a Walter Burley tramite l'analisi dello stile e del contenuto.

  • -  fa la trascrizione dei fogli 62v-63v che contengono la Quaestio 2a.

  •  
    2.
    2  Ricerca e raccolta dei facsimili.

    Fernand Van Steenberg  (1904-1993), mio rimpianto professore di ontologia e di filosofia medievale all' Institut Supérieur de Philosophie (ISP) de l'Université Catholique di Louvain, durante i lavori di preparazione del libro  :

    Trois commentaires anonymes sur le traité de l'âme d'Aristote. Maurice Giele, Fernand Van Steenberghen, Bernard Bazan .- Louvain : Publications universitaires, 1970.- ( Philosophes médiévaux; 11 ),

    mi aveva richiesto nel 1968 de realizzare la trascrizione del libro III del Commento di W. Burley.  La trascrizione, non essendo ancora ultimata al momento di dare alle stampe il libro, il Commento di Burley non fu inserito nell'opera precitata.

    Pour questo lavoro di trascrizione e di Edizione critica, F. Van Steenberg, mi aveva messo a disposizione la riproduzione su carta :

  • -  in negativo dei manoscritti Lambeth Pal .74 et 143;
  • -  in positivo dei manoscritti Vat. lat. 2151 et Balliol Coll. 92.
  • Le immagini dei manoscritti proposte su questo sito sono il risultato rispettivamente :

  • - per quanto concerne i manoscritti   Lambeth Pal .74 et 143  , del trasferimento in positivo, con aggrandimento d'immagine, realizzato dalla ex-Société Stocomest     de Saulxures-lès-Nancy.
  •   Un trattemento di ritocco è stato fatto ulteriormente, prendendo a modello le fotocopie a colori di tre fogli che mi sono procurato.

  • - per quanto concerne il manoscritto  Vat. lat. 2151 , della scansione delle fotocopie a colori prodotte e acquistate nel 2005 presso i servizi della Biblioteca Vaticana.
  • - per quanto concerne il manoscritto  Balliol Coll. 92 , della scansione fatta a titolo gratuito nel 2007 dai servizi della Library, Balliol College, di Oxford.

    N.B. La scansione di questo manoscritto (libro 1-2-3), fatta dal Balliol College Archives & Manuscripts, puo' essere consultata a questo indirizzo : https://www.flickr.com/photos/balliolarchivist/sets/72157656105641153/

  •  
    2.
    3  Descrizione materiale e Datazione.

    Il Catalogue of Manuscripts della Lambeth Library fa la descrizione dei manoscritti L1 e L2.

    L' Ancient manuscripts summary listing della Balliol College d'Oxford fa la descrizione del manoscritto O.

    Non sono in possesso di elementi utili per poter descrivere o riportare la descrizione del Manoscritto V.

    Datazione

    Il   manoscritto  V  è stato scritto tra la fine del XIV e l'inizio del XV s.

    Il   mannoscritto  O  è stato scritto attorno al 1470.

    I  manoscritti  L1 e  Lsono stati scritti attorno al 1413.

    Nei quattro manoscritti è utilizzata la scrittura gotica.
    .

    Capilettera

    Tutte i capilettera sono decorati con inflorescenze, eccetto nel manoscritto L dove un solo capolettera semplice è presente. Il copista, tuttavia, ha lasciato lo spazio per la realizzazione dei futuri Capilettera decorati. I Capilettera sono di colore blu e sono attorniati da "volute" molto belle e sono tracciate bene. Nello sfondo rosso risaltano foglie bianche di vigna. Si nota ugualmente la presenza di festoni e arabeschi. ( vedi :   Capilettra dei Manoscritti ).

    Tavola dei Capilettera.

    Manoscritti

    Quantità Capilettera

    Modulo grande

    Modulo piccolo

    Altezza modulo               Volute
    parte superiore parte inferiore
    Vatican 16 16 - 6 linee  variable variabile
    Londres1 1 - - 3 linee - -
    Londres2 18 13 5 5 linee  da 8 a 16 linee da 5 a 10 linee
    Oxford 16 9 7 3 linee 7 linee da 5 a 12 linee

     
    2.
    4  Richiami inferiori.

  • Il manoscritto V contiene 10 richiami inferiori di cui 7 all'interno del verso e 3 all'esterno del recto.  (Vedi : foglio 60 va  e   74 rb)
  • Il manoscritto O contiene 9 richiami inferiori di cui 5 all'interno del verso.  (vedi: foglio 138 v Due richiami sono inquadrati. 
  • Il manoscritto L1 non contiene alcun richiamo inferiore. 
  • Il manoscritto L2 contiene 1 richiamo inferiore inquadrato all'interno del verso.  (Vedi : foglio 104 va)
  •  
    2.
    5 
    Manicule.

    Il manoscritto V contiene 2 manicule rispettivamente in :

    -    foglio 60 rb ,  Commentum 6 
    -    foglio 75 rb,   Commentum 20 

    Il manoscritto  O  contiene 3 manicule rispettivamente in :

  • -    foglio 140 v,  Commentum 5 
  • -    foglio 154 v,  Commentum 9  
  • -    foglio 183 v,  Commentum 30 
  • Il manoscritto   L2  contiene 1 manicula  in :

  • -     foglio 95 ra,  Commentum 17 
  • Il manoscritto L1 non contiene alcuna manicula
  •  
    2.
    6  Segni di inserzione.

    L'inserzione di testo, sia in posizione interlineare che nel margine laterale dei fogli, è realizzata nei 4 manoscritti, utilizzando il simbolo  /\ .


    2.
    7 
    Monogrammi.

    Un solo monogramma è presente sul colophon del manoscritto L1.

     
    2.
    8  Colophon.

    In ognuno dei 4 manoscritti è presente il rispettivo colophon. Il nome dell'autrore è scritto in latino nei manoscritti V  O   L2 ; in inglese nel manoscritto L1.  
    Il Manoscritto O  aggiunge al nome dell'autore la menzione " doctorem praecipuum ".  ( vedi facsimile ) .

     
    2.
    9  Glosse e postille.

    Glosse e postille solitamente a margine, interlineari o inferiori sono presenti nei 4 manoscritti. A differenza dei manoscritti V  L L1   dove le glosse sono rare, il manoscritto O ne contiene molte. Nella maggior parte dei casi, le glosse in questo manoscritto sono aggiunte di testo a titolo di complemento, di correzione, di richiamo, di commento; il tutto scritto da mano e con inchiostro differente.

     
    2.
    10  Rigatura - Colonne di scrittura.

    I 4 manoscritti portano le tracce di rigature a secco verticali che delimitano le colonne e di rigature orizzontali che delimitano la prima e l'ultima linea ( talvolta tutte le linee di una colonna.

     
    2.
    11  Scrittura.

    Dei quattro manoscritti, solo L2 è stato scritto da una "unica mano". In effetti :

  • - in  V ununa mano ha scritto i fogli dal 56 rb  all'  84 vb; un'altra mano ha scritto i fogli dall'85 ra  all'  88 r
  • - in  L1 una mano ha scritto i fogli dal 56 rb  all'  84 vb; un'altra mano ha scritto i fogli dal 133 va  al   138 ra.
  • - in  O una mano ha scritto i fogli dal 134 r  al  165 r; un'altra mano ha scritto i fogli dal 166 v  al  186 v ; un'altra mano ha scritto i fogli dal 191 v  al  200 v.

    Le variazioni del numero delle linee nei differenti manoscritti sono riportate nelle note d'edizione dell' Edizione Critica.

  •  
    2.
    12  Piedi di mosca.

    Ognuno dei quattro manoscritti ne contiene. I "piedi di mosca" sono generalmente alternati en rosso e in blu marino.   In  L1 invece, i "piedi di mosca" sono tutti in rosso.   (Vedi :  Disegni dei Manoscritti ).

     
    2.
    13 
    Copisti.

    Nessuno dei quattro manoscritti è stato direttamente scritto da Walter Burley, autore dell'opera. Se si analizza infatti la tabella delle  Varianti negative, si constata che:

  • il manoscritto della Vaticana Vat. Lat. MS 2151 comporta un numero rilevante di errori (talvolta grammaticali) e di iterazioni che, aggiunto ai cambiamenti di scrittura rivelano il lavoro del copista.

  • il manoscritto di Oxford MS 92, a causa delle numerose glosse marginali interlineari o inferiori e delle molteplici correzioni, richiami, commenti - talvolta scritti da altre mani e con un inchiostro differente - conferma la certezza che questo manoscritto sia una copia.

  • il manoscritto London, Lamb. Palace, 143, nel foglio 138 ra, possiede nel   monogramma   ( obsignatio )  la probabile firma del copista.

  • il manoscritto Lambeth Palace, 74 nel   foglio 110 ra   ha la menzione "iste liber est de adquisitione" .

  • Per l'insieme di queste osservazioni si puo' concludere che i quattro manoscritti siano senza eccezione il lavore di copisti. Si deve aggiungere inoltre che la presenza numerosa di "Errori separativi" fa escludere che i 4 manoscritti siano copia l'uno dell'altro.


    Denominazione dei Manoscritti   -  Descrizione dei Manoscritti   -  Collazione dei Manoscritti   -  Varianti Positive   -  Varianti Negative   -   Capilettera dei Manoscritti   -  Disegni dei Manoscritti   -  Colofone dei Manoscritti    Home

      3. Collazione dei Manoscritti

    Manoscritti

    Fogli

    Colonne per foglio

    Linee per colonna

    Totale Fogli Totale Colonne Totale Linee
    V 56 rb - 88 rb 4 colonne 48 linee 33

    129

    6096

    L1 118 ra - 138 ra 4 colonne 54 linee 21

    81

    4320

    L2 83 rb - 110 ra 4 colonne 49 linee 29

    107

    5292

    O 134 r - 200 v 2 colonne 30 linee 66

    134

    4020

    Totale  

     149

     451

    19.826




    Denominazione dei Manoscritti   -  Descrizione dei Manoscritti   -  Collazione dei Manoscritti   -  Varianti Positive   -  Varianti Negative   -   Capilettera dei Manoscritti   -  Disegni dei Manoscritti   -  Colofone dei Manoscritti    Home

      4. Varianti Positive.

    Manoscritti

    Aggiunte importanti

    Aggiunte minori

    Varianti1

    Correzioni Inversioni Disegni  Sottolineature Capilettera Totale Varianti Positive

    V

    0

    109 110 47 18 10 83 16 393

    L2

    1

    142 388 11 33 3 85 18 681

    O

    30

    389 496 110 49 16 6 16 1112

    L1

    7

    289 689 5 131 1 3 12 1126

    Total

    38

    929 1683 173 231 30 177 51 3312

      Nota :

    1. 1 - il 40% delle "varianti", soprattutto in L 1, non constituiscono un testo alternativo; si tratta di varianti generate da errori. Quando la variante si presenta come errore evidente, è registrata nella colonna "Errori".

    2. 2 - Nel manoscritto di London , identificato L1, un solo capolettera è stato dipinto; il copista tuttavia ha riservato 15 luoghi all'inizio dei capitoli per una ulteriore decorazione, mai eseguita.



    Denominazione dei Manoscritti   -  Descrizione dei Manoscritti   -  Collazione dei Manoscritti   -  Varianti Positive   -  Varianti Negative   -   Capilettera dei Manoscritti   -  Disegni dei Manoscritti   -  Colofone dei Manoscritti    Home

      5. Varianti Negative.

    Manoscritti

    Omissioni importanti

    Omissioni minori

    Errori

    Iterazioni

    Glosse margine

    Rasure

    Cancellature 

    Espunsioni

    Vacat

    Aggiunte Sopralinea

    Scritture diff.

    Totale Varianti negative

    V

    0

    84

    35

    35

    26

    28

    5

    66

    4

    79

    3

    365

    L 2

    2

    213

    16

    17

    25

    6

    2

    10

    1

    34

    0

    326

    O

    3

    133

    64

    30

    205

    73

    7

    64

    2

    295

    135

    1011

    L1

    42

    359

    46

    6

    7

    3

    25

    12

    0

    4

    2

    506

    Totale  

    47 789 161 88 263 110 39 152 7 412 140 2208

    Nota esplicativa :

     - Omissione importante : assenza di una parte di testo la cui lunghezza è superiore a una linea.
     - Omissione minore : assenza di una parte di testo la cui lunghezza è inferiore a una linea.
     - Errore : errore grammaticale o di copia.
     - Iterazione : termine o frase ripetuti per errore.
     - Glosse a margine : parte di testo o annotazione riportata a margine di una colonna.
     - Soppressione per rasura : un termine o un gruppo di termini soppressi tramite un tratto apposto sui termini. (mot).
     - Soppressione per cancellatura : un termine o un gruppo di termini soppressi tramite rasura, lasciando cosi' un vuoto.
     - Soppressione per espunsione : un termine o un gruppo di termini soppressi tramite sottolineatura eseguita con puntini. (........).
     - Soppressione per "vacat" : un termine o un gruppo di termini da non tenere in conto e questo indicato dall'aggiunta nell'interlinea del termine vacat (va mot, mot cat )
     - Aggiunta sopralinea : termine aggiunto nell'interlinea. (mot, mot mot)




    Denominazione dei Manoscritti   -  Descrizione dei Manoscritti   -  Collazione dei Manoscritti   -  Varianti Positive   -  Varianti Negative   -   Capilettera dei Manoscritti   -  Disegni dei Manoscritti   -  Colofone dei Manoscritti    Home

      6. Capilettera dei Manoscritti
     

    Rome - Vaticano Vat. lat.,   London, Lambeth Palace,   Oxford, Balliol Coll.,  London, Lambeth Palace,
    ms. 2151 - ff. 56r - 88r. ms. 74 - ff. 83rb - 110ra ms. 92 - ff. 134r - 200v. ms. 143 - ff. 118ra - 138ra

     

     

    Denominazione dei Manoscritti   -  Descrizione dei Manoscritti   -  Collazione dei Manoscritti   -  Varianti Positive   -  Varianti Negative   -   Capilettera dei Manoscritti   -  Disegni dei Manoscritti   -  Colofone dei Manoscritti    Home

      7. Disegni dei Manoscritti


    Rome - Vaticano Vat. lat., London, Lambeth Palace, Oxford, Balliol Coll., London, Lambeth Palace,

    ms. 2151 - ff. 60 rb ms. 92 - ff. 143 v ms. 143 - ff. 138  ra ms. 74 - ff. 92 vb

    Manicula (evidenziare un testo) Zone dell'intelletto Monogramme del Copista Menzione di "picturam"


       



    Piedi di mosca

     L1     Londres, Lambeth Palace, Ms 143

    L 2     Londres, Lambeth Palace, Ms 74

    O     Oxford, Balliol Coll., Ms 92

    V     Rome, Biblioteca Vaticana Latina, Ms 2151

     





      8. Colofone dei Manoscritti

      Explicit expositio super libros de
      anima secundum magistrum Walter de Burlee.
      (obsignatio scriptoris librarii)
      Explicit expositio super libros de ani
      ma secundum magistrum Walterium de Burley
      Explicit expositio super libros de
      anima secundum magistrum Walterium de
      Burley .
      Explicit expositio super libros de anima secundum magistrum
      Walterium de Burley doctorem praecipium.


        Home Page